Passa ai contenuti principali

Una canonica sbronza



Il taglio sul palmo mi prude.
La crosta è gialla e l’annuso. 
Sa da catarro.
Me la levo piano e viene via tutta intera, lasciando al suo posto una striscia rossa lucida.
Vado in bagno e cerco l’acqua ossigenata.
Crea un grumo biancastro e un leggero sfrigolio.
Mi passo anche il mercurio cromo.
Lo lascio asciugare, mentre colora il palmo della mia mano.
Mi risistemo sul divano.
Manovro il telecomando, finché trovo qualcosa che mi annoi. Sintonizzo il televisore e la mia testa su un’interessante televendita di coltelli. Il ciccione taglia il mondo. Sarebbe bello se si affettasse l’uccello su quel tavolone di scena, mentre tutti applaudono estasiati in studio. 
Voilà: affettato di salame umano per tutti. 
Ah! Che bella televendita sarebbe! 
Ah!
Mi annoio subito.
Una signora con i baffi entra in salotto e mi dice qualcosa. Indossa una di quelle vestagliette con i fiori azzurri e un’ inevitabile macchia di sugo sul pancione gonfio.
Chissà che coltelli usa per preparare da mangiare…
Mi borbotta parole che non capisco.
Penso, perché sono ancora in mutande e canottiera. Ho pure le mutande macchiate.
E sanno da pecora.
Oppure, sono io che so da pecora?
Io, la pecora e le mutande: una piccola trinità puzzolente.

Fa caldo.
Mi si appiccica la pelle al divano ricevuto in regalo per una raccomandazione.
Sento una presenza accanto a me. Mi giro e vedo un signore che fissa il mio taglio rossiccio sulla mano. Poi, tira su gli occhi e preme il suo sguardo sul mio e mi domanda: “Hai visto la luce?”.
Ha la fronte sudata e aspetta una risposta.
Mi piego verso di lui e scorreggio.
Lui annuisce e dice “Amen”.

Il campanello suona.
O è una campana?
Non so. Fa troppo caldo.
Sento dei passi. Sulla soglia si presenta un tizio scuro.
Cazzo!
E’ un prete!
Sarà venuto ad esorcizzare le mie mutande, per liberarle dal maligno odore.
Mi scappa da ridere e la bottiglia di vin santo che avevo nell’altra mano, cade a terra.
Mi scruta.
Un raggio di sole lo illumina e la sua veste nera ondeggia lentamente.
E’ una bellissima immagine.
Ma mi annoia subito e stacco le chiappe dal divano per tirare su la bottiglia. Per fortuna era praticamente finita.
E’ incazzato il tizio. Nero, come il suo abito.
Comincia a urlare e a frustarmi con un rametto d’ulivo. Foglie verdi volano in giro e sulla mia pelle cominciano ad affiorare graffi rossi.
Io le prendo.
In religioso silenzio.
Finché compare come un angelo la signora con i baffi e ci divide.
Mi prende sotto braccio e mi porta in bagno.
Riempie la vasca d’acqua fresca, mi spoglia e mi tiene mentre mi infilo dentro. La vedo prendere le mutande e buttarle nel cesto. E’ piacevole veder dondolare il suo culone mentre raccoglie i vestiti. Cerco di afferrarle una chiappa, ma scivolo un poco nella vasca e la manco.
Resto lì per 40 minuti.
Da solo.
Non riesco neanche a masturbarmi.
L’acqua ormai è gelida.
Allora fisso il crocifisso che penzola sulla parete.
Ho l’alito che sa d’ alcool e la testa che gira. Medito finalmente di alzarmi e asciugarmi. Chiamo la signora con i baffi e il culone. Quieto mi faccio vestire.
Tiro su le braccia e mi infila una cosa che di sicuro mi farà sudare.
Mi guardo allo specchio e sembro quel losco figuro che mi ha frustato in salotto.
Mentre sono sull’altare e la testa mi gira tra le navate e i colonnati, penso che con un bicchiere in più avrei visto tutti i santi del paradiso più facilmente che con mille preghiere.
Intanto il taglio sulla mano continua a sanguinare e mi sporco un po’ la veste.
Dalla prima fila, il signore che mi ha chiesto se ho visto la luce, sghignazza sommessamente con un ramo d’ulivo in mano.
Dal suo labiale leggo: “Buona Pasqua Don Mario”.



Post popolari in questo blog

Abilitante Social Fest 2018

Per l'Abilitante Social Fest, festival organizzato dalla Cooperativa Piano Infinito di Montecchio Maggiore (VI), ho avuto l'onore di essere stata scelta con il mio disegno per la locandina di quest'anno! Grazie alla giuria per aver optato per la mia Madre Terra psicadelica!

La Verità sta nella bocca di chi parla

Per la collettiva d'arte internazionale "Veritas", il mio acrilico su tela con sfondo psicadelico.

"Farfalle nello stomaco", un racconto per Lahar Magazine sull' #amore

Si chiamava Alessandro e aveva un buon odore.
La sua pelle aveva un profumo quasi selvatico, e dopo l’ora di educazione fisica trasudava bestialità. Era alto e robusto, le spalle larghe, i capelli castani ondulati e indossava sempre un parka blu. Ogni mattina arrivava alle 7.40 a cavallo di una vecchia bici da donna, con il cestino marrone che pendeva verso destra e una carta da gioco incastrata tra i raggi. Sentivo il suo arrivo prima che imboccasse il vialetto per la scuola, come una sensazione di pizzicore sopra l’ombelico che mi faceva rimbalzare il caffelatte bevuto a colazione. Appoggiava la bicicletta sempre vicino alla cabina del telefono, la chiudeva con una catena arrugginita e prendeva dal cestino lo zaino scucito che a malapena conteneva tutti i libri per la giornata. Le guance mi si s’infiammavano e il mio stomaco vibrava al solo pensiero di lui. Lo guardavo da lontano, perdendomi nella sua ombra, accarezzando la leggera brezza che muoveva al suo passaggio. A ricreazione se ne st…