Passa ai contenuti principali

Plum Shake!




L'associazione culturale ARTuro è orgogliosa di invitarvi ad una mostra collettiva che mette insieme 15 creativi fra illustratori, fumettisti, grafici ecc... tra i più interessanti del panorama vicentino.

Agli artisti è stato proposto di illustrare, interpretare, dipingere, le scatole bianche di cartoncino che custodiscono i plum cake o le brioches in genere, che diventeranno dei quadretti da appendere al muro.
Ogn uno ne avrà 3, saranno venduti il giorno dell'inaugurazione e il ricavato sarà interamente devoluto alla cooperativa "La Vigna" di Longare che gestisce una casa famiglia con una decina di bambini.

Gli artisti:
Ale Pop, PictoLicia, Ale Giorgini, Francesca Vignaga, Osvaldo Casanova, Davide Ceccon, Dast, Daniela Perissinotto, Stefano Zattera, David Riganelli, Teo Faust, Elia Nascinben, Marina Menti, Greta Bastelli, il Duca.

Post popolari in questo blog

Abilitante Social Fest 2018

Per l'Abilitante Social Fest, festival organizzato dalla Cooperativa Piano Infinito di Montecchio Maggiore (VI), ho avuto l'onore di essere stata scelta con il mio disegno per la locandina di quest'anno! Grazie alla giuria per aver optato per la mia Madre Terra psicadelica!

La Verità sta nella bocca di chi parla

Per la collettiva d'arte internazionale "Veritas", il mio acrilico su tela con sfondo psicadelico.

"Farfalle nello stomaco", un racconto per Lahar Magazine sull' #amore

Si chiamava Alessandro e aveva un buon odore.
La sua pelle aveva un profumo quasi selvatico, e dopo l’ora di educazione fisica trasudava bestialità. Era alto e robusto, le spalle larghe, i capelli castani ondulati e indossava sempre un parka blu. Ogni mattina arrivava alle 7.40 a cavallo di una vecchia bici da donna, con il cestino marrone che pendeva verso destra e una carta da gioco incastrata tra i raggi. Sentivo il suo arrivo prima che imboccasse il vialetto per la scuola, come una sensazione di pizzicore sopra l’ombelico che mi faceva rimbalzare il caffelatte bevuto a colazione. Appoggiava la bicicletta sempre vicino alla cabina del telefono, la chiudeva con una catena arrugginita e prendeva dal cestino lo zaino scucito che a malapena conteneva tutti i libri per la giornata. Le guance mi si s’infiammavano e il mio stomaco vibrava al solo pensiero di lui. Lo guardavo da lontano, perdendomi nella sua ombra, accarezzando la leggera brezza che muoveva al suo passaggio. A ricreazione se ne st…