Passa ai contenuti principali

La t-shirt per Arte Addosso!!!



Ecco le t-shirts per Arte Addosso!
In ordine da alto a sx: Shanti Ranchetti e Manuel Pablo Pace
Centro da sx: Stefano Zattera e Dast
In basso da sx: Koes e Daniela Perissinotto

E in prima linea la mia t-shirt!
La spiegazione qui di seguito:

L’idea della t-shirt è centrata sulla mia idea di aliena.
Una signorina dai connotati marziani ma carini, dalle orecchie come coniglio che diventano occhi e una Lamat  (Lamat, o la mat´, conosciuta a volte come "stella maya", è il glifo maya di Venere. Letteralmente Lamat significa "coniglio", che i Maya ritenevano apprezzare i frutti del mondo creato per lui dagli dei. E´ un glifo di maturità e vitalità, e ultimamente ha assunto il significato di "imparare ad amare", simboleggiando il percorso che porta all´amore attraverso l´amore e l´accettazione di noi stessi esattamente come siamo.
Una curiosità: Lamat è anche il glifo che rappresenta la nostra era, che finirà secondo i Maya il 21 dicembre 2012. FONTE INTERNET)
stampata in fronte.
Forse sono io, forse è un’aliena, forse sono io trasformata in aliena.
Chi lo sa cosa diventeremo, cosa saremo, se ci saremo?
Penso che il 21 dicembre segnerà un cambiamento, piccolo, inesistente o grande che sia, ma ci cambierà in qualche maniera.
E se non sarà così, avrò una bella magliettina da indossare la prossima estate.
Se sarò ancora viva.

Post popolari in questo blog

Abilitante Social Fest 2018

Per l'Abilitante Social Fest, festival organizzato dalla Cooperativa Piano Infinito di Montecchio Maggiore (VI), ho avuto l'onore di essere stata scelta con il mio disegno per la locandina di quest'anno! Grazie alla giuria per aver optato per la mia Madre Terra psicadelica!

La Verità sta nella bocca di chi parla

Per la collettiva d'arte internazionale "Veritas", il mio acrilico su tela con sfondo psicadelico.

"Farfalle nello stomaco", un racconto per Lahar Magazine sull' #amore

Si chiamava Alessandro e aveva un buon odore.
La sua pelle aveva un profumo quasi selvatico, e dopo l’ora di educazione fisica trasudava bestialità. Era alto e robusto, le spalle larghe, i capelli castani ondulati e indossava sempre un parka blu. Ogni mattina arrivava alle 7.40 a cavallo di una vecchia bici da donna, con il cestino marrone che pendeva verso destra e una carta da gioco incastrata tra i raggi. Sentivo il suo arrivo prima che imboccasse il vialetto per la scuola, come una sensazione di pizzicore sopra l’ombelico che mi faceva rimbalzare il caffelatte bevuto a colazione. Appoggiava la bicicletta sempre vicino alla cabina del telefono, la chiudeva con una catena arrugginita e prendeva dal cestino lo zaino scucito che a malapena conteneva tutti i libri per la giornata. Le guance mi si s’infiammavano e il mio stomaco vibrava al solo pensiero di lui. Lo guardavo da lontano, perdendomi nella sua ombra, accarezzando la leggera brezza che muoveva al suo passaggio. A ricreazione se ne st…